L’oggetto è inserito nell’opera su tavola ed esso determina il titolo.  

“2020orizzontaliBlu23”Quest’opera entra nella collezione OpereDue per il colore blu e non per l’oggetto che viene suggerito nel tempo.

La serie OpereDUE sono lavori eseguiti in due immersioni/battute di lavoro: definito punto A l’origine, inizio dell’opera. Poi il tempo, il vuoto, di sedimentazione, che può durare anche anni dove l'opera e lasciata al chido, sospesa. Quando arriva l’idea (chiamata DUE) l’opera è finita. Spesso è l’oggetto a essere suggerito ma in quest’opera come ho detto sopra è la pittura blu mista alla tempera bianca a essere il gesto finale.

Semplificando si può prendere come esempio un arco dove la prima colonna è il puntoA e l’altra colonna OpereDUE la curvatura dell’arco e il tempo di sospensione dal punto A a DUE.

Vivere sotto l'arco.

Spesso le opere circondano, sono presenti nella stanza dove vive il creatore unendosi alla vita di tutti i giorni, l’opera poi matura (DUE) finita viene messa da parte, venduta, regalata.


3Forbici
+DUE

"Sole eFrecce"

“Sole eFrecce” 2019+20+21+23 (scala rossa)

Materiali: legno, legnetti accendifuoco, pittura ad acqua, una pinza, una barra in acciaio di metallo con anelli (arco), scaleRossa.

Il lavoro parte dal 2019 ed è continuato per tutto l'arco pandemico: con l’aggiunta nel tempo di una vecchia pinza, di una freccia spezzata nel centro del sole (che rappresenta l’Odio) e di un arco metallico presente a lato destro (entrambi aggiunte nel 2020). Giocare con dei bambini, giocare con l’arco di metallo e colpire il centro del cerchio solare (posizionare l'arco mirando e lanciare la freccia con l'altra mano) ha fatto includere quest’ultima nell'opera. Il telo bianco (lenzuolo) è entrato nell’ opera per isolarla dal muro viola con sassi (2009), dove l'opera è installata.

La pittura sui legnetti sono state eseguita con i raggi solari che entranovano nel laboratorio come la maggior parte delle Tavolette ( serie: Tra me del Legno sotto alla metà della pagina). L' installazione perfetta dell’opera è vicino una finestra per illuminarla di profilo, la luce solare entra nei legnetti accendifuoco e gli stecchi (frecce) creando un affascinante gioco di luci ed ombre (l’ora ideale è il tramonto: luce che tende a colorare il tutto di arancio).


CilindroSmeraldo, pittura su polistirolo, cappello, 2021

Sopra due tavolette che fanno parte della Scala2.


Un padre e un figlio, Il figlio e il padre.

DEDALO

Sulla tavoletta a fondo Blu sono rappresentate le ali di Icaro, che il padre nel mito ha costruito per il figlio. Sul retro: colore fluorescente notturno (steso pensando a Van Gogh) e poi un cappello da prete che copre il tutto.



B55, 2009

"Cuffia e occhiali"

2009

T4V

Legno multistrato dipinte con gli acrilici. Le tavolette di volta sono state dipinte seguendo/leggendo la trama del legno. Dipinte singolarmente e in coppia poi installate separatamente con altre opere polimateriche (come nella figura 2 e 3, sopra, con il lampadario “mico”). Le tavolette si muovono con l’aria che circola nella stanza, quasi tutte sono state dipinte fronte retro e di lato (come continuare una lettura del legno e del colore, oltre la forma geometrica del perimetro).

L’opera fa parte di una serie dal nome “Tra me e il Legno” iniziata nel febbraio 2020.

Altro materiale: viti, filo di nylon, filo di ferro, un lampadario (vecchio), una serpentina luci led 3m ca, una piccola scultura “mico” foto 2 e 3.


T4V45
"T4Vp Tra me del Legno"
2020 "isolamento"
ESTATEcovid
"Tempo21"
aPieroGilardi

"VideoEvento pittorico-Ancona", 2004-05, pinza, cucchiai, corda, tavoletta.

 serie "8cassa9", 2008-2023, Casse acustiche, oggetti, pittuta, installazione sonora

=09

=09Rivolta, 2009, legno,  catena, casco antisommossa